Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

sabato 31 dicembre 2011

Bilancio 2011 della Tradizione Cattolica

Siamo ormai a fine anno, è giunto il momento di stilare il bilancio 2011 della Tradizione Cattolica, che ancora una volta si è chiuso in maniera positiva. Ripercorriamo insieme i principali avvenimenti:

- È aumentato (ormai è ben oltre quota 200) il numero di vescovi e cardinali che hanno celebrato la Messa tradizionale dopo la promulgazione del Motu Proprio Summorum Pontificum nel 2007. Il conteggio è tenuto dal mio amico José Luis Cabrera Ortiz, presidente di “Una Voce Málaga”.

- Nel mondo è aumentato il numero delle Messe tradizionali celebrate nei giorni di precetto.

- La Santa Sede ha "liberalizzato" tutti i riti liturgici utilizzati dagli ordini religiosi (ad esempio il rito domenicano) nel 1962.

- L'istruzione “Universae Ecclesiae” ha fortunatamente messo la parola fine alla querelle della Comunione sulle mani nel rito antico (secondo alcuni era possibile, secondo altri no), chiarendo al n. 28 che il Motu Proprio Summorum Pontificum deroga a quei provvedimenti legislativi inerenti la liturgia emanati dal 1962 in poi. Quindi la pratica della Comunione sulle mani non è ammessa nel rito antico. Roma ha parlato, la controversia è chiusa.

- Il Papa ha nominato il nuovo nunzio apostolico in Italia, il quale lascia ben sperare per il futuro.

- Anche quest'anno sono state numerose le vocazioni religiose e sacerdotali negli istituti legati all'antica forma liturgica.

- L'armata rossa modernista ha continuato a perdere importanti posizioni strategiche. Ormai è un esercito in rovinosa ritirata.

Come non rendere grazie a Dio per tutto ciò? Ovviamente non ci sono state solo rose e fiori, sono infatti proseguite in vari modi le persecuzioni dei denigratori della Messa gregoriana, ma come ho già spiegato in passato, costoro contribuiscono indirettamente alla crescita del movimento liturgico legato alla forma straordinaria della liturgia.

Speriamo che il 2012 sia un anno di ulteriore crescita della Tradizione Cattolica nel mondo, per il bene delle anime e la maggior gloria di Dio. Speriamo che possa nascere la tanto auspicata prelatura personale per tradizionalisti con la quale potremo finalmente liberarci dalle catene della schiavitù modernista. Se ad esempio in una cittadina ci sono solo parroci modernisti (pensiamo a coloro che non credono più alla Risurrezione di Cristo, alla Presenza Reale, al peccato originale, all'esistenza del purgatorio, all'eternità dell'inferno, eccetera), potremo finalmente aprire una parrocchia dove si respira un'aria cattolica.