Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

venerdì 16 dicembre 2011

Circa la "pastorale tradizionale" a Vocogno e Domodossola

I modernisti hanno sostituito la "pastorale tradizionale" con la "pastorale secolarizzante", e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: chiese svuotate, seminari deserti, monasteri abbandonati, ecc. Possiamo dire che dove passano i modernisti non cresce più l'erba.

Don Alberto Secci e don Stefano Coggiola sono due preti piemontesi che hanno scelto di provare la "pastorale tradizionale", cioè non solo la liturgia "more antiquo", ma anche catechismo, confessione, direzione spirituale e vita sacerdotale secondo lo stile classico, quello che era in voga fino a qualche decennio fa. I risultati? Pur lavorando in condizioni difficili (Vocogno è un piccolo borgo di montagna), c'è una buona partecipazione alle loro funzioni religiose. C'è gente che fa un sacco di strada pur di andare a Vocogno o a Domodossola (sono in provincia di Verbania, ma in diocesi di Novara). E' sempre così: quando un sacerdote celebra con convinzione e devozione la Messa tradizionale, i fedeli partecipano più “attivamente” alla sacra liturgia. La gente è disposta al “pendolarismo liturgico” pur di assistere ad una Messa celebrata con sacralità e devozione. Sono numerosi coloro che hanno confidato ai due suddetti preti che da quando frequentano con fedeltà la Messa in rito tradizionale hanno scoperto tutto un mondo a loro prima sconosciuto, il mondo della liturgia della Chiesa con i suoi tesori incommensurabili.

Ormai sono sempre meno le persone che credono alla propaganda modernista, secondo cui la Messa tridentina non favorisce la partecipazione attiva dei fedeli. Forse nemmeno sulla Pravda (l'organo di stampa del Partito Comunista dell'Unione Sovietica) si osava affermare questa falsità.

Intanto Mons. Renato Corti recentemente è andato in pensione, e al suo posto è stato inviato Mons. Franco Giulio Brambilla, considerato un esperto della teologia di Edward Schilebeeckx. Che succederà a Vocogno? Il futuro è nelle mani di Dio. Preghiamo.