Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

venerdì 20 luglio 2012

FSSPX disponibile al riconoscimento canonico

Il comunicato del capitolo generale della FSSPX smentisce i pronostici di coloro che si aspettavano che i lefebvriani sbattessero la porta in faccia alla Santa Sede. In questo modo avrebbero rifiutato categoricamente di riconoscere l'autorità del Sommo Pontefice. Invece le cose sono andate diversamente visto che nel comunicato è stata ribadita la disponibilità a ricevere un riconoscimento canonico dal Vaticano, ed è stato riconosciuto il ruolo insostituibile del Vescovo di Roma.

Adesso la domanda che tutti si pongono è: che cosa succederà nelle prossime settimane? Continueranno i contatti tra Roma e Menzingen? Si troverà una soluzione ai problemi? Ci sarà la nascita della Prelatura Personale?

Non sappiamo quel che accadrà, il futuro è nelle mani di Dio. Io continuo a sperare che si riesca a trovare un modo per dare uno status giuridico alla Fraternità, poiché troppo grandi sarebbero i vantaggi per il movimento tradizionale e per tutto il Corpo Mistico di Cristo. Anche Roma ci guadagnerebbe tanto, anche perché il baricentro ecclesiale si sposterebbe inevitabilmente verso la Tradizione, facendo perdere ulteriore influenza al fronte modernista, e accelerando il suo inarrestabile dissolvimento a cominciare dalla Francia.

Per sbloccare la situazione, penso sarebbe opportuna una dichiarazione comune tra Roma e Menzingen nella quale vengano riformulate con un linguaggio più semplice le dottrine dibattute. Ad esempio per quanto riguarda la libertà religiosa esiste il diritto naturale a professare in foro interno ed esterno solo la verità (e quindi solo la Religione Cattolica), mentre non esiste il diritto naturale all'errore (cioè al peccato) né in foro interno (cioè all'interno della propria coscienza), né in foro esterno (cioè pubblicamente). Quindi i non cattolici hanno solamente il diritto a non subire coercizioni in materia religiosa, cioè nessuno li può obbligare con la violenza ad agire contro la propria coscienza. L'errore non ha nessun diritto né ad esistere, né tantomeno ad essere proclamato e diffuso (come insegnato magistralmente da Pio XII nell'allocuzione “Ci riesce” del 1953). Però in certi casi l'errore può essere tollerato onde evitare sciagure maggiori.

Per quanto riguarda l'ecumenismo possono essere adottate “azioni pastorali” atte a far riavvicinare i membri di altre confessioni cristiane alla Chiesa Cattolica fondata da Gesù Cristo, purché tali azioni pastorali rispettino i principi espressi chiaramente da Papa Pio XI nella memorabile enciclica “Mortalium animos” (fu un'enciclica principalmente dottrinale, non puramente pastorale). Qualcuno dirà che quell'atto magisteriale risale al 1928 e oggi i tempi sono ormai cambiati. Ed io rispondo: e che? Forse il Magistero è come lo yogurt che ha una scadenza?

Se si riuscirà a formulare una dichiarazione dottrinale comune tra Santa Sede e Fraternità San Pio X, a guadagnarci non saranno solo i lefebvriani, ma tutti i cattolici, poiché vedo che su certe materie c'è molta confusione in giro.