Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

lunedì 20 agosto 2012

L'Opus Mariae si trasferisce a Piacenza?

Dopo molti anni di permanenza nella diocesi di Massa, pare che l'Opus Mariae si stia per trasferire a Piacenza, nella diocesi di Mons. Ambrosio. A dare l'allarme è stato qualche parrocchiano preoccupato per l'addio dei preti guidati Don Piero Cantoni (nella foto a lato), il quale per il momento non ha rilasciato dichiarazioni al riguardo essendo impegnato nella predicazione degli esercizi spirituali di Sant'Ignazio di Loyola. Mons. Santucci, vescovo di Massa, ha lasciato intendere che non è stato lui a cacciarli via, ma è una decisione che hanno preso autonomamente.

Se la notizia verrà confermata, non sarà facile per Mons. Santucci trovare i sostituti per le numerose parrocchie della Lunigiana che sino ad ora erano state affidate nelle mani dei preti dell'Opus Mariae.

La cosa che sarà interessante osservare è se con il trasferimento in Emilia, Don Cantoni e i suoi riprenderanno a celebrare la Messa tridentina con maggiore frequenza. Sappiamo che Mons. Ambrosio non è ostile all'antica liturgia, e che recentemente ha eretto canonicamente l'associazione “Alleanza Cattolica” guidata da Giovanni Cantoni (fratello di Don Piero), quindi si può supporre che con l'Opus Mariae abbia buoni rapporti.

Ovviamente se nella diocesi di Piacenza ci sarà una vasta diffusione della Messa tradizionale, ci saranno effetti benefici sulla vita spirituale di tante persone, come è avvenuto altrove. La speranza è che il rito antico possa sfondare oltre il Po e dilagare in Lombardia, dove fino ad oggi stenta ad espandersi a causa delle resistenze dei soliti noti.