Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

martedì 2 luglio 2013

Comincia la persecuzione contro Papa Francesco

Inizialmente Pio IX venne osannato come "Papa liberale". Successivamente, quando i nemici della Chiesa si accorsero che non era un "liberale", cominciarono una campagna diffamatoria nei suoi confronti, e ancora oggi continuano a gettare fango su di lui con accuse assurde e infondate.

Una cosa del genere sta cominciando ad accadere con Papa Francesco, che inizialmente è stato acclamato dai progressisti come un rivoluzionario, ma col passare del tempo si stanno accorgendo che a parte il mancato uso del camauro e della mozzetta rossa, non hanno altro per cui festeggiare. E adesso stanno cominciando a piovere le prime critiche. Per esempio non hanno accolto con entusiasmo il fatto che Francesco è sceso per strada a salutare gli odiati partecipanti alla "Marcia della vita", considerati dai rossi come dei pericolosi fondamentalisti che vogliono costringere le donne a partorire figli indesiderati. Tra l'altro hanno constatato che circa il tema dell'aborto e la difesa della vita umana sin dal concepimento, il Magistero “francescano" è totalmente in linea con quello di tutti i suoi predecessori, dunque non c'è all'orizzonte nessuna "apertura" in vista.

Un'altra critica contro il Papa è arrivata da un signore che alla radio si è lamentato del fatto che il Romano Pontefice considera le comunità protestanti delle semplici "comunità ecclesiali" e non delle "Chiese". Noi sappiamo che il Papa ha ragione ad utilizzare questa terminologia, perché i protestanti hanno perso la successione apostolica, e quindi le loro comunità non sono delle vere Chiese, dunque sono infondate le critiche rivolte nei suoi confronti.

Anche tra i musulmani sono stati espressi dei malumori nei confronti di Francesco, per aver condannato il genocidio degli armeni perpetrato dai turchi durante la Prima Guerra Mondiale.

Dispiace che il Sommo Pontefice venga criticato ingiustamente, tuttavia dobbiamo ricordarci che il Redentore Divino ha promesso che sarà grande la ricompensa nei cieli per coloro che sulla terra saranno stati calunniati e perseguitati a causa Sua.