Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

lunedì 5 agosto 2013

Papa Francesco starebbe per canonizzare anche Pio XII

Secondo alcune indiscrezioni trapelate sui media, Papa Francesco starebbe pensando di canonizzare Pio XII senza aspettare che vengano riconosciuti dei miracoli avvenuti per sua intercessione. Se ciò venisse confermato, sarebbe una notizia molto positiva. Tra l'altro il Romano Pontefice darebbe un forte segnale non curandosi delle possibili reazioni negative dei comunisti e di taluni ambienti "non cristiani" fortemente critici nei confronti di Papa Pacelli.

Pio XII è uno dei Sommi Pontefici più amati dai fedeli legati alla Tradizione Cattolica. Il Pastor Angelicus fu un grande Condottiero della Chiesa Militante, un uomo con la schiena dritta e la volontà indomita. Nel corso della sua vita venne provato al fuoco e alla lotta, ma con intrepido coraggio difese strenuamente il Corpo Mistico di Cristo dai feroci assalti dei nemici della Chiesa. Il suo esempio di vero seguace di Gesù Cristo non può morire e non morirà, troppo grande è la gratitudine che i cattolici devono avere nei suoi confronti. Lottò tenacemente contro la pagana e disumana ideologia nazionalsocialista, portò personalmente i soccorsi ai cittadini di Roma selvaggiamente colpiti dai barbari bombardamenti anglo-americani, salvò innumerevoli persone dalla deportazione nei lager hitleriani, sconfisse i comunisti di Togliatti ordinando a Luigi Gedda di promuovere i "Comitati Civici" e fare propaganda contro il pericolo rosso, illuminò le menti dei fedeli col suo aureo Magistero, difese la purezza della Dottrina Cattolica dalle fuorvianti dottrine dei teologi infettati dal progressismo, diede un forte impulso alle missioni cattoliche, arginò l'avanzata delle disastrose idee dei liturgisti col prurito delle novità, ribadì la tradizionale dottrina della superiorità della vita verginale sulla vita coniugale (cfr. Sacra Virginitas), difese Padre Pio dagli attacchi a cui era sottoposto dai suoi persecutori, definì solennemente il dogma dell'Assunzione in Cielo della Beata Vergine Maria in anima e corpo, governò saggiamente la Chiesa, ecc.

Da Cardinale scelse come motto: “Lux veritas, regina caritas, finis aeternitatis”. Fu un vero e proprio programma di vita al quale restò fedele sino alla morte.