Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

sabato 26 aprile 2014

Formare famiglie tradizionali


La Chiesa saggiamente ha sempre sconsigliato i matrimoni misti, cioè quelli che avvengono tra una persona appartenente alla Chiesa Cattolica e una di un'altra religione. In effetti se un coniuge non è cattolico potrebbero sorgere grossi problemi in famiglia, soprattutto al riguardo dell'educazione dei figli.

Io penso che per i cattolici sia sconsigliabile sposarsi anche con coloro che pur essendo ufficialmente “praticanti”, tuttavia hanno aderito all'eresia modernista. Ogni tanto penso al dramma di un ragazzo che si era sposato con una donna che lo costringeva ad usare anticoncezionali sotto la minaccia che altrimenti avrebbe chiesto il divorzio. Noi sappiamo che l'uso degli anticoncezionali è intrinsecamente perverso, e quindi non può essere giustificato per nessun motivo, nemmeno sotto minaccia di morte. Purtroppo, quel ragazzo preferiva offendere gravemente Dio pur di non essere mollato dalla moglie. Ma ciò costituiva per lui un grave tormento perché sentiva il rimorso della coscienza. Sarebbe stato meglio per lui se non si fosse sposato, o almeno che si fosse trovato una donna disposta a vivere cristianamente il matrimonio.

Pensate al dramma di tutti quei cattolici che hanno sposato persone atee, comuniste, miscredenti, agnostiche, neopagane, adultere, irascibili, ubriacone, ecc. Deve essere un vero martirio stare assieme a una persona che vive calpestando i Comandamenti di Dio. Poveri anche i figli! Lo scopo principale del matrimonio cristiano è di procreare ed educare cristianamente la prole. Ma se un coniuge vive come se Dio non ci fosse, come potrà adempiere questo gravissimo dovere? Per non parlare poi del rischio che il coniuge empio trascini al peccato anche il coniuge cattolico.

Sposarsi con una persona che ha aderito all'eresia modernista è un grosso pericolo, perché in genere i modernisti calpestano ogni sorta di Comandamento accampando giustificazioni senza fondamento. Pertanto, chi si sente chiamato da Dio alla missione di procreare nuovi cittadini del Cielo, cerchi di selezionare con molta prudenza il coniuge da sposare, altrimenti presto o tardi si pentirà di aver abbracciato lo stato di vita matrimoniale, come è capitato a tante persone, soprattutto donne, le quali in genere praticano più assiduamente la Religione rispetto agli uomini.