Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

giovedì 23 ottobre 2014

Le “bufale” contro i Francescani dell'Immacolata

Il demonio non sa più cosa inventarsi pur di seminare zizzania contro i Francescani dell'Immacolata. Sentite cosa mi ha raccontato una lettrice.


Carissimo D.,
                         come stai? È tempo che non ti scrivo, ma seguo quotidianamente il tuo blog. Certe volte alcune risposte le ricevo proprio da lì. Grazie.

Da tempo volevo chiederti il parere a proposito dei Frati Francescani dell'Immacolata: in un incontro con le componenti dell'Associazione di cui faccio parte [...] ho sentito dire che i Frati dell'Immacolata nelle Sante Messe fanno delle “boiate”. Non è stato specificato cosa si intende per quel termine; [...] inoltre sembra che portino avanti più Maria che Gesù. Sono rimasta un po' sorpresa.

Cosa ne pensi? Può essere un fatto isolato? […] Da tempo noto invece molti sacerdoti della mia zona che dicono la Messa settimanale in 20 minuti! Non riesco a pregare cosi.

[…] Sono molto d'accordo con te quando parli degli Ordini di stretta osservanza, ho amicizia con delle Clarisse a poca distanza da me e, senza giudicare, la differenza si vede, come pure le Monache Benedettine di [...]. Che grande Grazia la loro amicizia!

Un grande Grazie da parte mia a te per il blog e per l'amicizia: mi sono di conforto nei momenti di solitudine e di tristezza (purtroppo sono molti per la situazione che conosci).

In Gesù e Maria ti saluto,

(lettera firmata)


Cara sorella in Cristo, 
                                         per quanto riguarda la celebrazione della Messa, i Francescani dell'Immacolata sono tra i migliori che conosca. La celebrano con devozione e sacralità, sforzandosi di evitare di commettere i soliti abusi liturgici che invece commettono tanti altri sacerdoti, sia del clero diocesano che del clero regolare (cioè appartenenti ad istituti religiosi).

Sant'Alfonso Maria de Liguori criticava severamente il comportamento di quei preti che celebravano la “Messa strapazzata”, cioè commettendo degli abusi liturgici. Soprattutto criticava la fretta nel celebrare. Secondo lui è peccato mortale celebrare la Messa troppo in fretta (ad esempio in un quarto d'ora), perché in così breve tempo non può essere celebrata senza “mangiarsi” le parole e “strapazzare” le cerimonie, e senza mancare gravemente alla riverenza e gravità richiesta dal Santo Sacrificio dell'altare,dando tra l'altro un grave scandalo ai fedeli.

Magari tutti i sacerdoti celebrassero la Messa come fanno i Francescani dell'Immacolata! Invece assistendo a una Messa celebrata male, senza devozione e sacralità, con canti “profani” (o perlomeno non adatti a un rito sacro), e con abusi liturgici di vario tipo, c'è il rischio che qualche fedele perda la fede. Del resto, se molte chiese, pur essendo situate in quartieri popolati da migliaia di cattolici, sono quasi deserte anche di domenica, ci sarà una spiegazione. Le “Messe strapazzate” allontanano le anime da Dio e dalle chiese!

Per quanto riguarda l'accusa secondo cui i Francescani dell'Immacolata sarebbero troppo devoti alla Madonna, si tratta di una vera e propria ridicola stupidaggine. Diceva Santa Teresa di Lisieux che non dobbiamo preoccuparci di “amare troppo” la Madonna, perché tanto non riusciremo mai ad amarla tanto quanto l'ama Gesù. Anche San Luigi Grignon de Montfort, San Massimiliano Maria Kolbe, Sant'Alfonso Maria de Liguori e tanti altri santi, vennero ingiustamente accusati di parlare troppo della devozione alla Beata Vergine Maria, trascurando in questo modo Dio, che è il fine ultimo della nostra esistenza. La realtà è esattamente all'opposto, infatti la devozione alla Regina del Cielo non è fine a se stessa, ma conduce le anime a Gesù. San Bernardo diceva che chi non è devoto alla Beata Vergine Maria è moralmente impossibile che si salvi, perché è come se chiudesse il canale delle grazie. Infatti Ella è la Mediatrice di tutte le grazie che Dio ci dona, quindi commettono un grosso errore coloro che non la amano con un tenero amore filiale e non si rivolgono a Lei per chiederle aiuto. Del resto, è Dio stesso che desidera che nel mondo si propaghi la devozione alla Madonna (in particolare al suo Cuore Immacolato), come venne confidato a suor Lucia di Fatima nel corso di un'apparizione della Beata Vergine.

Anche San Francesco ebbe una visione nella quale vide che coloro che cercavano di andare direttamente a Gesù senza l'aiuto della Madonna, non riuscivano a raggiungerlo, invece coloro che si affidavano alla Beata Vergine Maria riuscivano a raggiungere Cristo. 

I Francescani dell'Immacolata fanno benissimo a diffondere la devozione alla Madre del Redentore Divino. Se vuoi saperne di più su questo argomento ti consiglio di leggere “Le Glorie di Maria” di Sant'Alfonso Maria de Liguori e “Trattato della vera devozione a Maria” di San Luigi Grignon de Montfort. 

Approfitto dell'occasione per porgerti i miei più cordiali e fraterni saluti in Cordibus Jesu et Mariae,

Cordialiter