Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

mercoledì 24 dicembre 2014

Le Francescane dell'Immacolata smentiscono le voci di commissariamento

La Curia Generalizia delle Suore Francescane dell'Immacolata ha diramato un comunicato nel quale ha smentito le voci secondo cui l'istituto è stato commissariato dalla Santa Sede. Attualmente è in corso solamente una Visita Apostolica, che è iniziata lo scorso 19 maggio. Inoltre nel comunicato sono state smentite le assurde accuse di essere suore “scismatiche”, ribelli, disobbedienti e cose del genere.  

La nota ufficiale dell'istituto segnala tra l'altro che è stato condotto un sondaggio tra tutte le comunità dell'istituto sul tema della liturgia, e in maniera unanime è stata espressa “l'opzione preferenziale” per la Messa tradizionale. Quindi non c'è alcuna costrizione in questa materia.

Per quanto mi riguarda, ho avuto modo di conoscere i racconti di ex suore Francescane dell'Immacolata, quindi non posso essere accusato di “essere di parte” e di aver ascoltato “solo una campana”. Penso di avere un'idea generale sulla situazione dell'istituto. So che nell'orbe cattolico alcuni stimano molto le Francescane dell'Immacolata, altri meno. Non voglio entrare nel merito delle discussioni riguardanti le suore, dico solo che ci vuole "in omnibus caritas". Insomma, la mia speranza è che le questioni possano essere affrontate in maniera cristiana, cioè con carità fraterna, non seminando zizzania o tentando di infangare la reputazione delle Francescane dell'Immacolata con accuse esagerate o infondate. A tal proposito riporto alcune strofe dello splendido canto “Ubi caritas”.


Ubi caritas et amor, Deus ibi est.
Congregavit nos in unum Christi amor.
Exultemus, et in ipso iucundemur.
Timeamus, et amemus Deum vivum.
Et ex corde diligamus nos sincero.

[...]

Simul ergo cum in unum congregamur:
Ne nos mente dividamur, caveamus.
Cessent iurgia maligna, cessent lites.
Et in medio nostri sit Christus Deus.