Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

lunedì 3 agosto 2015

Fedeli a modo loro

Certe persone si autodefiniscono cattoliche, vanno a Messa, ricevono la Comunione... tuttavia in materia dogmatica e morale preferiscono regolarsi di testa propria, anziché uniformarsi alla Dottrina Cattolica. Per esporre in maniera più coinvolgente il modo di pensare di costoro, ho composto un breve dialogo tra due personaggi di fantasia: Palmiro (incoerente) e Thomas (coerente).

- Ciao Thomas.
- Ciao.
- Che stai leggendo?
- Un libro del Cardinale Giuseppe Siri.
- Sei cattolico?
- Certo!
- Anche io sono cattolico, però non sono bigotto ...su certi argomenti preferisco ragionare con la mia testa e non con quella dei Pontefici.
- Guarda che essere bigotto significa ridurre la propria religiosità soltanto a pratiche esteriori, non significa seguire gli insegnamenti ecclesiastici!
- Non dirmi che sei contrario all'aborto, al divorzio, al matrimonio tra omosessuali e agli altri diritti civili...
- Questi non sono diritti civili! L'aborto è l'uccisione di un bimbo innocente, il divorzio, oltre a separare ciò che Dio ha unito, favorisce e legalizza l'adulterio. Le unioni "more uxorio", (cioè come coniugi) tra omosessuali sono contro natura. Dio distrusse Sodoma e Gomorra poiché i loro abitanti praticavano peccati impuri contro natura.
- Thomas svegliati, siamo nel terzo millennio! Ormai in molti Paesi progrediti sono considerati diritti civili. Devi essere più razionale. Lascia perdere quello che dice la Chiesa, devi ragionare con la tua testa.
- Palmiro, cerca di essere coerente. Se dici di essere cattolico devi credere che la Chiesa nel suo Magistero è assistita dallo Spirito Santo.
- La tua mente è ottusa! Sei peggio di un prete! Conosco addirittura dei teologi che hanno una mentalità più aperta della tua ed affermano pubblicamente che "l'inferno non è eterno", "il purgatorio è un'invenzione medievale", "il peccato originale è una fiaba", ed altre dottrine contrarie a quelle "ufficiali"...
- Nella plurisecolare storia della Chiesa è accaduto non poche volte che vari ecclesiastici e religiosi fomentassero delle eresie, basti pensare a Loisy, Lutero, Ario e Pelagio, solo per citarne alcuni. Dunque lascia perdere quello che dicono certi teologi in odor d'eresia...
- Parli come un fanatico fondamentalista!
- Mi sforzo solamente di essere coerente con la dottrina cattolica. Tutto qui.
- Io sono un vero cristiano perché mi batto contro la fame nel mondo, il precariato selvaggio nel mondo del lavoro e contro il razzismo!
- Queste che hai citato sono battaglie che condivido, ma ricordati che la battaglia principale è quella contro il peccato, l'unica cosa che può portarci alla dannazione eterna.
- Ma non capisci che con questa mentalità ti rendi antipatico a tantissima gente?
- L'unica cosa di cui ho davvero timore è di offendere Dio con il peccato e di perdere l'anima.
- Il Medioevo è finito da tempo! Aggiornati!
- I dogmi di fede sono immutabili. È un errore modernista affermare che i dogmi di evolvono col passere dei secoli.
- Parlare con te è tempo perso, ti saluto...
- Stammi bene!