Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

giovedì 20 agosto 2015

Ottimismo? No, solo fiducia in Dio!


Coloro che amano la Chiesa, che è il Corpo Mistico di Cristo, rimangono molto amareggiati nel constatare la “sporcizia” che ha contagiato non pochi cristiani, non solo fedeli laici. Non mi riferisco tanto allo scandalo pedofilia (i colpevoli sono una piccola minoranza), quanto piuttosto al dilagare delle eresie, come lo sono il negare la Risurrezione di Cristo, la sua presenza reale nel Santissimo Sacramento, la sua onniscienza, l'inerranza della Sacra Scrittura, l'essenza sacrificale della Messa, la perpetua verginità della Madonna, l'eternità dell'inferno, l'esistenza del demonio, l'immoralità della sodomia, del divorzio, dell'aborto, ecc.

Ho l'impressione che a volte alcuni di noi del movimento tradizionale si lascino prendere da una sorta di pessimismo cronico che li induce a parlare principalmente delle cose negative che vengono commesse da membri della Chiesa. Con questo modo di fare si rischia di seminare scoraggiamento, sconforto e disfattismo. Questi che stiamo vivendo sono anni cruciali per la vita ecclesiale. Stiamo assistendo ad una poderosa riscossa del movimento tradizionale nel combattimento spirituale contro l'eresia modernista condannata dal glorioso e santo Pontefice Pio X, che la definì "sintesi di tutte le eresie". Noi crediamo, noi possiamo, noi dobbiamo vincere! Il trionfo sia solo per la maggior gloria di Dio e la salvezza delle anime messe a repentaglio dal dilagare dell'errore. Per vincere la battaglia c'è bisogno di maggiore entusiasmo. Basta con la petulanza, il pessimismo e il disfattismo! Non bisogna parlare solo di cose negative, è necessario elogiare pubblicamente tutte le cose buone che fanno i sacerdoti e i vescovi che zelano maggiormente il bene delle anime. Pubblicizzando il bene che viene compiuto, i buoni fedeli vengono rincuorati, e si crea un clima di emulazione e di entusiasmo che contagiano altre persone.

Circa la vittoria finale della Tradizione sul modernismo, non si tratta di essere "ottimisti", si tratta solo di avere un'incrollabile fiducia nella promessa di Cristo Redentore al riguardo degli assalti dei nemici della Chiesa: Non prævalebunt!