Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

sabato 22 agosto 2015

Padre Miguel Pro, eroico martire messicano


Nel 1927 in Messico spadroneggiava un feroce regime anticlericale guidato da Plutarco Elías Calles. Gli istituti religiosi furono sciolti e i preti vennero oppressi da severe restrizioni. Molti sacerdoti (soprattutto stranieri) furono costretti a nascondersi o ad abbandonare il Paese. Il giovane gesuita Padre Miguel Agustin Pro aveva un grande amore per le anime redente da Cristo a caro prezzo sulla croce del Golgota, e non riusciva a rassegnarsi al pensiero che la gente morisse come gli animali, senza poter ricevere i sacramenti. Decise pertanto di continuare l'apostolato sacerdotale in clandestinità, vestendosi con abiti civili e ingegnandosi a sfuggire (spesso in maniera avvincente e rocambolesca) dalle grinfie della polizia al soldo del regime. Ma un giorno riuscirono a catturarlo e a portarlo in galera.

Il 23 novembre 1927, a Città del Messico, Padre Miguel venne condotto innanzi al plotone d'esecuzione per essere fucilato. Anche se innocente, era stato condannato alla pena di morte con un'accusa ingiusta. Il gesuita, come ultimo desiderio chiese di pregare. Gli venne concesso. Si inginocchiò, affidò la sua anima a Dio e perdonò di cuore i suoi carnefici. Rialzatosi stese le braccia come se fosse in croce, tenendo in una mano la corona del rosario e nell'altra un crocifisso (come immortalato nella foto). Il plotone intanto si era preparato ad eseguire l'esecuzione capitale. Erano i suoi ultimi momenti di vita su questa terra d'esilio. Appena i soldati alzarono i fucili, Padre Miguel diede il suo ultimo attestato d'amore al Redentore Divino esclamando ad alta voce "Viva Cristo Re!" .Pochi istanti dopo veniva crivellato da una raffica di pallottole.

Padre Miguel Augustin Pro è stato beatificato il 25 settembre 1988.

Che il martirio dei cattolici messicani del XX secolo, possa essere di incoraggiamento a quei cattolici che ancora oggi, in vari Stati, vengono perseguitati a causa della loro fedeltà a Cristo.