Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

domenica 28 febbraio 2016

Diverse persone mi consigliano di sposarmi

Nel 2009 una ragazza mi scrisse per chiedermi una copia di un libro scritto da un grande Dottore della Chiesa. Ogni tanto ci scriviamo ancora, e poiché le sue lettere sono piene di unzione spirituale e mi edificano molto, le ho chiesto il permesso di poterle pubblicare. Verranno firmate con lo pseudonimo greco “Eléison”, scelto da lei stessa. La lettera di oggi tratta il tema delle famiglie davvero cristiane.



Caro D., fratello in Cristo,
                                            hai ragione, oggi più che mai c'è bisogno di famiglie veramente cristiane, contro questa inarrestabile perdita di valori. Credo anch'io che ci si possa santificare nel matrimonio, supportandosi a vicenda nel cammino spirituale. Dev'essere bellissimo trovare un'anima spiritualmente affine.

Le tue considerazioni sul matrimonio sono comprensibilissime. Dev'essere un mezzo che aiuta ad arrivare a Dio e non un ostacolo al cammino verso di Lui. Dobbiamo sempre aver presente che questa vita, per quanto lunga, è solo un soffio rispetto all'eternità. Io ormai cerco di tenere sempre più il pensiero fisso su di questo, le cose di questo mondo non mi interessano, tanto più se mi ostacolano nel santificarmi. Cerco di fare tutto in vista di quel momento in cui comparirò davanti a Dio. Non voglio pentirmi per l'eternità della mia condotta in questa breve esistenza. Spero che Gesù ti illumini sullo stato di vita da eleggere e che con questa illuminazione ti doni anche tanta gioia. Ho trovato molto interessante il post che hai scritto circa la vita matrimoniale, sapere come la pensi riguardo questo tema. Sai che, da quando ti leggo, resto stupita nel constatare che la pensiamo allo stesso modo al 100%. A volte, dopo averti scritto, leggo qualcosa sul tuo blog e in alcuni giorni mi è capitato di ritrovare anche qualche pensiero espresso con le stesse parole.

Caro D., spero che Gesù ti doni la moglie migliore che tu possa desiderare, se è questo il Suo volere, il Suo amorevole piano per te. Nella preghiera e nel silenzio troverai le risposte. 

Un caro saluto

Siano lodati Gesù e Maria

Eléison



Carissima in Cristo,
                                 diverse persone mi hanno consigliato di sposarmi. Si tratta di una scelta non facile, perché innanzitutto bisogna vedere quel è la volontà di Dio su di me (Sant'Alfonso Maria de Liguori insegna che per eleggere qualsiasi stato di vita è necessaria una chiamata del Signore), e in secondo luogo bisogna trovare una donna davvero cristiana. A me non interessa una vita matrimoniale insipida da un punto di vista spirituale. Io sono affascinato dalla vita ascetica, pertanto se dovessi decidere di sposarmi farei questo passo solo con una donna caritatevole, dolce e affettuosa (non acida, irascibile ed egoista) che avesse anche lei il desiderio di vivere un'intensa vita spirituale, praticando con fervore le virtù cristiane e ricercando seriamente la propria santificazione.

Ad esempio se fossi sposato vorrei che tutti i membri della famiglia si svegliassero presto per pregare insieme e poi fare in silenzio un po' di orazione mentale. In casa mia non dovrà esserci la televisione. Durante i pasti vorrei che si ascoltassero audiolibri spirituali come “L'imitazione di Cristo” e poi si parlasse di temi edificanti. I miei figli non li manderei nelle scuole del regime culturale progressista, ma opterei per le lezioni didattiche fatte in casa da me o da mia moglie (homeschooling), e poi a fine anno far fare un esame presso una scuola per convalidare gli studi fatti (la legge italiana lo consente). Quasi ogni giorno spiegherei ai miei bambini un po' di Dottrina Cristiana servendomi dell'intramontabile catechismo di San Pio X o di qualche altro testo fedele al Magistero perenne della Chiesa. Vorrei che la sera la famiglia si riunisse per recitare insieme il Rosario e altre preghiere, e poi vada a dormire presto. Mia moglie la tratterei con affettuosa dolcezza e affabilità, non in maniera scorbutica e oppressiva, come purtroppo fanno tanti mariti.  Vorrei che in casa si respirasse un'atmosfera di spiritualità, di devozione e di carità fraterna, come avvenne nella famiglia costituita da San Luigi Martin e Santa Zelia Guerin (i genitori di Santa Teresa di Lisieux). Insomma, vorrei una famiglia con uno stile di vita quasi... monastico.  :-)

Molte persone quando si avvicinano per la prima volta al blog, pensano che io sia un monaco o qualcosa del genere, e poi rimangono sorprese quando scoprono che sono solo un giovane fedele laico. Alcune lettrici mi hanno manifestato esplicitamente il proprio interesse nei miei confronti in vista di un eventuale matrimonio. Ogni volta che ricevo “manifestazioni di interesse” le valuto con attenzione per vedere se ci sono i presupposti per continuare la reciproca conoscenza ed eventualmente formare insieme una famiglia davvero cristiana. Verso una di loro ricambiavo un certo affetto e pensavamo entrambi di essere fatti l'uno per l'altra, ma per motivi indipendenti dalle nostre volontà il processo di reciproca conoscenza in vista di eventuali nozze non è proseguito. Tuttavia sono contento di constatare che esistono ancora donne che la pensano come me al riguardo del matrimonio concepito come mezzo di santificazione.  

Per me non è un dramma rimanere celibe, anzi. Ma come ho già detto sopra, non sono interessato a una vita matrimoniale “poco cristiana”, perché per me sarebbe una vita infelice. Se invece una donna pia e devota dovesse manifestarmi di voler condividere con me la mia idea ascetica di vita matrimoniale, in questo caso, come ho già fatto in passato, valuterò se è volontà di Dio che abbracci questo stato di vita. Le cose che vengono dal Signore si vedono dai frutti: se una donna dice di essere interessata a me, e mi trasmette devozione, desiderio ardente di santità, e un grande amore per Dio, potrebbe essere la persona giusta con cui costituire una famiglia davvero cristiana.

Tuo fratello e servitore in Cristo,

Cordialiter