Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

venerdì 20 maggio 2016

La vera fede

Una carissima lettrice mi ha inviato vari scritti da pubblicare firmandoli con uno pseudonimo scelto da lei. Li pubblicherò un po' alla volta. Eccone uno.


Gentile Cordialiter ti mando ancora qualche pensiero che ho elaborato in questi ultimi tempi riguardo a che cosa mi ha dato la vera fede.

La vera fede mi ha dato:

-una base dottrinale semplice ed essenziale, facile da imparare e chiara che mi ha aiutata ad avere un comportamento normalmente cristiano nella vita di tutti i giorni;

-una semplice capacità di capire cosa pensare in certi casi morali e di capire dove è il bene nelle vicende confuse dei tempi moderni e nelle realtà che stiamo vivendo;

-chiarezza nel distinguere cosa è meglio fare nelle scelte della vita personale e privata;

-aiuto per mantenere la salute fisica e la stabilità nella vita soprattutto attraverso i Sacramenti e la preghiera del Rosario.

Il fatto è che noi avevamo la possibilità di avere una fede così anche in questi tempi confusi. Questa fede è stata abbandonata dalle persone per avere una maggiore libertà nei costumi e nella vita personale di fare scelte diverse da quelle che ci propone il Vangelo e provare valori diversi tipo, ad esempio, mettere se stessi al primo posto (autostima) invece dell’essere pazienti ed umili. Ciò è avvenuto per comodità. Alla gente faceva comodo non avere regole certe e chiarezza e non avere impegni religiosi da rispettare (ad esempio dormire invece di andare alla messa la domenica).

Risultato: che cosa trovo adesso quando frequento le Chiese:

- una comunità di persone che non sa bene cosa significa essere cristiani, che conosce a mala pena solo qualcosa del Catechismo, che fuori dalla Chiesa vive tranquillamente in un contesto indifferente o contrario al cristianesimo e lo accetta di buon grado;

- guida incerta da parte delle persone consacrate;

- elementi protestanti considerati come appartenenti alla Chiesa universale, ad esempio idee eretiche propagandate da alcuni gruppi carismatici.

Di fronte a una Chiesa di uomini che non conoscono il Catechismo e i principi base del cristianesimo e non amano i Sacramenti e la preghiera, la soluzione che si cerca è quella di cancellare quel che resta della dottrina cristiana per far posto all’umanità. Si propone come rimedio per aumentare la fede ciò che è la causa della mancanza della fede.

Sinceramente è una vita che osservo questa situazione: la progressiva mondanizzazione dei cristiani e adesso la ricerca di giustificazioni a comportamenti non cristiani da parte dei cristiani stessi come se questo fosse un rimedio alla mondanizzazione, ma la grazia del Signore esiste!

Comunque la fede si conserverà sempre. Questo pensiero è come un faro per me in questo momento di confusione.

Grazie, saluti,

Teodolinda