Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

lunedì 13 giugno 2016

I modernisti disprezzano la vita delle suore di clausura

Ordinariamente parlando, i fedeli che amano la liturgia tradizionale hanno in grande stima anche la vita contemplativa. Ciò non mi stupisce, poiché la Messa tridentina facilita il raccoglimento interiore, l'orazione mentale e la contemplazione.

Invece molti modernisti hanno un grottesco disprezzo per la vita contemplativa, che considerano una perdita di tempo. Quando una ragazza attratta dalla vita monastica commette l'imprudenza di confidarsi sul tema della vocazione con qualche persona affetta dal morbo del modernismo, spesso si sente rispondere con asprezza e stizza che le suore di clausura sono inutili, non servono a nulla, ed è meglio lasciarle perdere.

Ciò non mi stupisce, infatti i modernisti hanno una visione immanentista della vita. Invece i cattolici fedeli alla Tradizione hanno una visione soprannaturale dell'esistenza e sanno bene che grazie alle preghiere e alle penitenze delle suore di clausura il Signore converte innumerevoli anime.

Per me è consolante sapere che molte suore di clausura di vari istituti religiosi, con le quali sono legato da vincoli di amicizia spirituale, pregano per me e per i miei cari. Addirittura c'è una giovane claustrale che offre (e lo farà sino alla morte) tutte le sue preghiere e penitenze a Dio per i lettori dei miei blog. Dunque, quando vi sentite edificati nel leggere i miei post, più che ringraziare me dovreste ringraziare lei, perché è soprattutto grazie alle sue preghiere che lo Spirito Santo vi tocca il cuore.

Ma cosa insegnano i Sommi Pontefici circa la preziosità della vita contemplativa? A tal proposito, il grande Pontefice Pio XI, nella lettera “Umbratilem” indirizzata nel 1924 ai monaci Certosini, scrisse: “Se in epoche passate si avvertì il bisogno di anacoreti nella Chiesa di Dio, ciò si verifica soprattutto oggi. Nel nostro tempo, infatti, vediamo tanti cristiani trascurare totalmente la considerazione delle realtà celesti, deporre perfino ogni pensiero della salvezza eterna, correre sfrenatamente dietro i beni della terra e i piaceri del corpo, vivendo in privato e in pubblico come pagani, in opposizione al vangelo. Alcuni pensano che certe virtù, a torto dette "passive", siano ormai cadute in disuso e si debba sostituire all'antica disciplina monastica l'esercizio più comodo e meno faticoso delle virtù attive. Questa opinione però fu respinta e condannata dal nostro predecessore, Leone XIII, ed è ovvio quanto essa sia pregiudizievole e ingiuriosa alla teoria e alla pratica della perfezione cristiana. Coloro che si dedicano assiduamente alla preghiera e alla penitenza contribuiscono molto più al bene e alla salvezza del genere umano che non gli operai che coltivano il campo del Signore. Se i primi non attirassero dal cielo l'abbondanza delle grazie divine per irrigare il terreno, gli operai apostolici trarrebbero dalle loro fatiche frutti ben più magri. Non c'è bisogno di dire quanto la nostra speranza si riprometta dai monaci Certosini. Noi aspettiamo che essi osservino le Costituzioni loro proprie non solo con fedeltà, ma con slancio generoso, perché i loro animi siano formati alla santità più alta. Allora davvero diventeranno intercessori efficaci presso la misericordia del Signore, a vantaggio del popolo cristiano.”   

Ovviamente, ciò che ha scritto Pio XI sull'importanza della vita contemplativa vale non solo per i Certosini ma anche per tutti gli altri Ordini monastici. Ma tentare di far capire questi discorsi spirituali ai modernisti è come parlare in ostrogoto. Spesso hanno una visione ideologica del cristianesimo, che per molti aspetti assomiglia a quella dei comunisti. Infatti "vanno a braccetto" coi rossi.