Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

mercoledì 27 luglio 2016

Sterili polemiche

A volte su blog e forum appaiono post che informano che in una determinata parrocchia, dopo oltre quarant'anni di assenza, è stata finalmente celebrata la Messa in rito antico. Alcuni commentatori, invece di rallegrarsi della lieta notizia, si scatenano in polemiche assurde e spesso anche ridicole, più o meno di questo tipo:

- È meglio non avere la Messa tridentina, anziché celebrarla col manipolo spostato di mezzo centimetro al di sopra di quanto stabilito dal manuale liturgico di Sempronio!

- Ma che stai dicendo? Sul manuale di Caio invece c'è scritto che può essere usato anche alcuni centimetri al di sotto del solito, ma se si superano i cinque centimetri si commette peccato veniale.

- Ignorante! Caio si riferiva solo alle Messe celebrate nelle diocesi alpine, non a quelle appenniniche!

- Ma dove hai studiato le cerimonie? Sui fumetti di Peperino? Non lo sai che nel 1729 l'Arcivescovo concesse un indulto per usare il manipolo più in alto?

- Sì, lo so, ma è stato abolito da un decreto del 1802!

- Però, è rimasta la consuetudine locale, quindi stai zitto!

- Il problema è che tu sei un modernista camuffato!

- Io modernista? E tu sei un apostata!

Coloro che fanno sceneggiate del genere sono solo una piccola minoranza tra coloro che seguono la Messa tridentina, tuttavia sono “pericolosi” poiché rischiano di danneggiare tutto il movimento tradizionale. Infatti, spesso la gente fa di un erba un fascio, e così tutti i fedeli tradizionali rischiano di essere etichettati come arcigni, rissosi e formalisti.