Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

venerdì 22 luglio 2016

Un prete interessato all’homeschooling

Pubblico un’interessante e-mail che mi ha scritto un giovane sacerdote diocesano.


Salve!
Già in passato ho avuto modo di scriverle, riguardo a dei libri che stava vendendo, ma questa volta la richiesta è ben diversa!

Sono un suo assiduo lettore, e, se non ricordo male, aveva postato uno scritto riguardante l’homeschooling (l’istruzione parentale, in lingua italica). Sono un sacerdote diocesano, con nel cuore da sempre il desiderio di poter fondare una scuola cattolica a beneficio di un’istruzione veramente cattolica ma, visti i tempi che corrono, una struttura così istituzionalizzata sarebbe vittima di continui attacchi [...] e, forse, i tempi non sono ancora maturi. Invece, una forma di istruzione come quella parentale, tutelata dalla Costituzione e scevra da ogni collegamento e finanziamento di tipo istituzionale permetterebbe di avere ampio margine di manovra senza avere le mani legate da quelle ideologie che tanto propalano nel scuole pubbliche così come stanno invadendo anche quelle paritarie. Ecco quindi la volontà di impegnarci, io con un gruppo di giovani sacerdoti, in questo progetto e, se fosse in grado di aiutarmi in questo mettendomi in contatto con chi questo progetto lo porta avanti già da tempo e indicarmi quanta più letteratura possibile così da documentarmi sempre in questo senso. Nel frattempo le domando la cortesia di unirci con noi nella preghiera al Signore per affidargli questo desiderio del cuore: come l’arca di Noè, anche noi vogliamo salvare dal diluvio e dalle tempeste di questo mondo quante più deboli creature, quali i bambini e ragazzi sono, offrendo loro tutti gli strumenti per ricostruire questo mondo dalle macerie che i tempi moderni stanno causando.

Memento ad invicem

(lettera firmata)



Reverendo Don [...], 
                                  sono molto contento di sapere che Lei ed altri sacerdoti state pensando di fare qualcosa per l'istruzione della gioventù. Anche io penso che se nascesse una scuola cattolica, verrebbe perseguitata non solo dai nemici esterni della Chiesa, ma anche da quelli interni, pertanto è meglio dedicarsi alle "scuole parentali", soprattutto se gestite da fedeli laici, i quali sono meno ricattabili dai membri del clero modernista. 

Le segnalo una mia amica di nome [...], la quale da anni si occupa di homeschooling e può fornirle tutte le informazioni che desidera. Questo è il suo indirizzo: […]

C’è tanto bisogno di “scuole parentali”. Gli anni della fanciullezza sono molto importanti: se un bambino impara cose buone, crescerà buono e spiritualmente forte; se invece imparerà cose cattive, crescerà in malo modo, si ribellerà ai genitori, sarà schiavo dei vizi e delle passioni degradanti, ecc. Purtroppo, sappiamo bene che in molte scuole (sia pubbliche che private) gli insegnanti progressisti indottrinano i bambini con ideologie contrarie al Vangelo. Spero tanto che la vostra iniziativa per favorire l’istruzione cattolica dei fanciulli riesca a decollare per il bene delle anime e la maggior gloria di Dio. 

La saluto cordialmente nei cuori di Gesù e Maria.

Cordialiter