Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

domenica 31 luglio 2016

Unire le forze e coltivare amicizie spirituali

In questi anni mi hanno contattato svariate centinaia di persone che seguono i miei blog. Con alcune di loro è nata spontaneamente una vera e propria amicizia spirituale...


Carissimo fratello in Cristo,
                                                    sono appena tornata da fare un sacco di commissioni, quali spesa, visita al [...], dove ho avuto modo di incontrare il mio ex parroco. Purtroppo non sta molto bene...ti chiedo fraternamente di pregare per lui, affinché stia presto meglio [...].

Non smetterò mai di ringraziare nostro Signore per avermi concesso di conoscerti; ora so di avere una presenza di sincera amicizia spirituale, e ciò mi da molta gioia. Fino a prima di conoscerti, stavo per perdere la fiducia in alcune persone, che tanto mi hanno delusa, dalle quali mi aspettavo comprensione, affetto sincero e disinteressato, ed amicizia vera...

Ora mi rendo conto che ci sono altre splendide creature, che, amando con tutto il cuore Gesù, sanno amare in modo puro e sincero anche il prossimo, proprio come Lui ci ha insegnato e raccomandato di fare.

Anche io ti auguro una buona domenica, nella pace del Signore Gesù, che tanto ci ama e che non ci deluderà mai.

Ciao,

(lettera firmata)


Cara sorella in Cristo,
                                        come hai potuto leggere negli scritti di San Francesco di Sales, è molto importante avere delle amicizie spirituali, cioè delle amicizie fondate sulle virtù cristiane, e quindi legate dalla carità, che è l'amore soprannaturale che nasce da Dio. Nel mondo invece ci sono tante false amicizie perché non sono fondate sulle virtù cristiane, ma solo su cose materiali (interessi economici, attrazione fisica, e altri interessi non soprannaturali). 

Il demonio odia ferocemente tutti gli esseri umani, ma ha un odio particolare verso coloro che cercano di praticare la vita devota. Dunque odia anche noi due, e certamente non vuole che tra noi possa svilupparsi un'amicizia spirituale, perché essa sarebbe di vero vantaggio per le nostre anime. Quindi potrebbe tentare in tutti i modi di seminare tra noi discordie, incomprensioni, contrasti e cose di questo genere, oppure potrebbe tentare di distruggere l'amicizia spirituale cercando di inquinarla con interessi non basati sulle virtù cristiane.

Perché ti dico tutto questo? Certamente sono contento del fatto che stai sentendo dei benefici spirituali dalla nostra amicizia, ma cosa succederebbe se io morissi oggi? Temo che soffriresti come se perdessi un cugino o forse un fratello. E se invece io mi arrabbiassi con te e decidessi di interrompere tutti i contatti? Soffriresti ancora di più, perché oltre alla perdita dell'amicizia si aggiungerebbe il dolore per la fiducia tradita. Ciò non mi stupirebbe perché le anime nobili soffrono più per i “dolori spirituali” che per i dolori del corpo. 

Insomma dobbiamo coltivare l'amicizia in maniera tale da evitare rotture che potrebbero causare tanta sofferenza. Per esempio, se dovessero sorgere delle incomprensioni o delle divergenze, invece di arrabbiarci e metterci a litigare dovremo cercare di trovare un chiarimento in maniera cristiana, cioè con dolcezza e carità fraterna (come faceva San Francesco di Sales).

Da parte mia prego Iddio di farmi morire prima che io possa darti un dispiacere, tradire la tua fiducia, e farti soffrire ingiustamente dicendo o facendo qualcosa di contrario agli insegnamenti di Gesù. Già hai sofferto abbastanza in passato con altre persone, non voglio farti soffrire anche io.

Dobbiamo pregare tanto affinché la nostra amicizia spirituale sia sempre di natura soprannaturale e dunque ancorata nella carità. Se smarrissimo la carità rischieremmo di farci troppo del male. Se avremo sempre la carità, l'amicizia potrà durare anche per tutta la vita, se questa è la volontà di Dio.

Tu sei una persona particolarmente portata per la vita devota. Questa è una grazia di Dio, ma adesso sei tenuta ad amare Gesù molto più di quanto lo amano mediamente gli altri cristiani. Troppo grande sarebbe la tua ingratitudine se amassi poco il Redentore Divino. Voglio vederti ardere d'amore per il Signore e infiammare il prossimo col fuoco della divina carità. Chi ama davvero Dio desidera che Egli sia amato anche dagli altri.

Con fraterna amicizia ti saluto cordialmente in Corde Matris,

Cordialiter