Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

domenica 3 luglio 2016

Vacanze spirituali

Ci sono diversi modi di trascorrere le vacanze: in maniera pagana come fanno i mondani, oppure in maniera cristiana come fanno i veri seguaci del Redentore Divino, i quali approfittano delle ferie per ritemprare lo spirito. Di questo e di altri argomenti ne ho parlato con la prof. Chantal, che dal 2014 collabora col blog.



- Ti è mai capitato di ricevere delle critiche da parte dei modernisti a causa del tuo amore per la liturgia tradizionale?

- Devo dire di no, anzi! Mi dicono: "Beata te, che hai una fede così "rocciosa"! Sei disposta a sacrifici pur di frequentare la Santa Messa in Forma Straordinaria". Insospettabile, vero? Io credo che se noi cattolici tradizionalisti riusciamo a testimoniare "bene" non ci sfiorerà alcuna critica, anzi, convertiremo! Io poi, quando parlo delle mie convinzioni, non uso frasi fatte o, peggio, a vanvera, ma mi avvalgo delle citazioni dai testi pontifici o cito le profezie approvate da Santa Romana Chiesa.

- Lo Spirito Santo ci esorta a riflettere sulle realtà ultime della nostra esistenza: "Memento novissima tua et non peccabis in aeternum". Ogni tanto rifletti sulla morte e l'entrata nell'eternità?

- Certo! Ogni sera quando mi corico prego non sapendo i disegni di Dio su di me, e lo stesso la mattina seguente. Pensa che ho sempre preso talmente sul serio la caducità della vita terrena da redigere il mio primo testamento olografo il giorno seguente il mio 18esimo compleanno, nel 1977, in modo da disporre di lasciti a favore di opere di carità cattolica e per far celebrare messe in mio suffragio.

- Nel mondo tanta gente vive come se Dio non ci fosse, preferendo attaccare il cuore ai beni materiali che dovremo lasciare nel giorno della morte. Gesù disse: "Che giova all'uomo guadagnare il mondo intero se poi perde l'anima sua?". Non pensi che oggi si parli troppo poco della morte e sul giudizio di Dio?

- Come hai ragione! Si parla tanto di "misericordia", di "perdono", ma molti tralasciano di dire che alla base di tutto occorrono PENTIMENTO E PENITENZA! Temo che molte anime vengano fuorviate da questa "gara" misericordiosa a senso unico!

- Le vacanze estive sono un periodo propizio per poter trascorrere alcuni giorni di riposo in località tranquille in cui poter ritemprare il corpo e lo spirito. Ti piacciono le "vacanze spirituali"?

- Moltissimo, infatti ne faccio spesso, sia in Italia che all'estero.

- Hai deciso dove andare in vacanza durante l’estate?

- Una settimana in luglio fra Firenze e Norcia e 15 giorni a metà agosto come sempre in Carinzia con tappe in Friuli (regioni che amo moltissimo e che non mi stanco mai di frequentare).

- Qualche volta senti il "fascino" delle località di villeggiatura mondane?

- Quando ero più giovane sì, negli anni '80 frequentavo la Costa Smeralda, Portofino, Capri e in montagna Sankt Moritz o Courmayeur. Erano comunque vacanze "salubri" e mai trasgressive (a differenza di miei coetanei io non ho mai subito il "fascino" di certi costumi e tengo troppo alla mia salute (fisica e spirituale) per farmi contagiare da cattive "abitudini"... Per esempio, non sopporto l'idea di fumare, di eccedere nell'alcool, etc. E poi, tutti i magnifici luoghi che ti ho citato mi fanno pensare all'aspetto più positivo di essi: la bellezza del creato e la grandiosità del Creatore.

- Ci sono certi "tradizionalisti" che conciliano liturgia antica e vita mondana (discoteche, film "poco edificanti", cattive compagnie, eccetera). Non ti sembra una contraddizione questo comportamento?

- Non so sinceramente come facciano, a meno che non credano in buona fede di poter convertire il prossimo frequentando tali situazioni. Anche a me piace il ballo, a volte mi trovo a feste organizzate per fini benefici in cui si balla, ma noi cristiani dobbiamo sempre agire con dignità e senza eccessi. È come il vino: un bicchiere a pasto va bene, eccederne no!

- So che diverse volte hai partecipato a pellegrinaggi organizzati da cattolici legati alla Messa tridentina. Perché partecipi volentieri a queste iniziative?

- Per varie ragioni… penso che tutti noi del "Populus Summorum Pontificum" (e con questa dicitura definisco tutti coloro che hanno sempre amato i riti Vetus Ordo e Ambrosiano antico, e che sono gratissimi a Papa Benedetto XVI per il Motu Proprio che sta per compiere 9 anni) dovremmo partecipare di più a tali pellegrinaggi e così avere l'occasione di conoscerci meglio e di persona e di crescere insieme nella Fede. Come sai già, dall'8 all'11 luglio andrò a Norcia al II pellegrinaggio italiano "Populus Summorum Pontificum", e non vedo l'ora! A ottobre poi, come già feci l'anno scorso insieme a "Riesina", spero di tornare a Roma al pellegrinaggio internazionale che è davvero imperdibile! Sarebbe inoltre bellissimo poterci incontrare fra noi collaboratrici del blog...

- Tempo fa, mentre trascorrevi le vacanze in una località situata tra le montagne austriache, hai approfittato del tempo libero per leggere un libro sull'Eucaristia che si intitola "Divino Amore Incarnato", scritto dal dotto e zelante Cardinale Raymond Leo Burke. Ti è piaciuto?

- Sarò sempre grata alla mia migliore amica che, quale strenna di Natale 2015 mi ha regalato due libri stupendi, scritti dai due Cardinali viventi che ammiro maggiormente: "Dio o niente" autobiografia di S. Em. Rev.ma Robert Sarah, e "Divino Amore Incarnato" di S. Em. Rev.ma Raymond Leo Burke (che con immensa gioia rincontrerò giovedì 7 a Firenze). Ho letto il libro di quest'ultimo fra Capodanno e l'Epifania e ne sono rimasta edificata e "ammaliata"… insomma, ho iniziato bene l'anno Domini 2016! Con un linguaggio dotto ma nel contempo di facile comprensione, il Cardinale Burke ci rende coscienti dell'incommensurabile dono che NSGC ci ha dato e ci dà nell'Eucarestia... lo consiglio vivamente!