Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

mercoledì 7 settembre 2016

Per le madri cristiane

Pubblico volentieri un interessante brano che Teodolinda ha trovato su un vecchio opuscolo che tratta dell'educazione cristiana dei bambini (a lato... una mia foto da bambino mentre armeggio con alcuni giocattoli a casa di una delle mie nonne).   :-)


Il primo svegliarsi della coscienza.



Nella tenera età la vita affettiva predomina; il sentimento e l’istinto si destano prima della ragione. Se tu vuoi educare il tuo piccolo alla fede e alla pietà, bisogna che segui il cammino tracciato dalla natura. Non sarà quindi coi lunghi discorsi che insegnerai a voler bene al Signore. Già prima che compisse l’anno, gli avrai insegnato a mandare con la manina un bacio a Gesù Bambino ed alla Madonna. Ora lo condurrai in chiesa a salutare Gesù Bambino nella sua casina d’oro; lieve e dolce sarà la tua fatica se dovrai ancora portarlo in collo, o se pazientemente dovrai condurlo per mano, uniformando il tuo passo al suo. Giunto in chiesa, sarà il segno di croce, per cui la tua mano condurrà la sua inesperta e incapace manina e il gesto del ditino in bocca, imitato gravemente da te, come segno che nella casa di Dio si fa silenzio. Al destarsi al mattino, all’addormentarsi alla sera, gli farai ripetere il segno di croce, le prime preghiere, che saranno facili parole alla sua portata: Gesù ti amo - Ti saluto Maria. E intanto, in questo secondo anno di vita le immagini cominciano a collegarsi, e quando tu dirai: non far questo perché Gesù non vuole, perché alla Madonna dispiace, vedrai il bambino voltarsi subito a cercare l’immagine a cui l’idea si riferisce. E - a meno che il capriccio sia dovuto a causa fisica, sfuggita alla tua osservazione - vedrai il bambino calmarsi e sorridere. Chi come te ha pratica di bambini (e la tua esperienza sarà subito fatta anche se sei al primo nato) segue con crescente interesse questo sviluppo progressivo per cui il bambino collega prestissimo il suo amore al piacere di far cosa gradita alla persona amata. Ed è così che nei primi due o tre anni di vita tu sei tutto per lui, godi il suo affetto e la sua fiducia; sei il rifugio, la protezione, il rimedio per tutti i mali. Per il tuo piccino tu mamma, sei infallibile. A questa deliziosa disposizione di spirito è importantissimo tu corrisponda dando al bambino impressioni buone e abitudini corrette: saranno la base della sua vita avvenire.



[Brano tratto dall'opuscolo "Primi passi" dell’Unione Donne di Azione Cattolica, Roma].