Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

mercoledì 14 settembre 2016

Preghiera dell'Offertorio

Un caro lettore apprezza molto gli scritti di Padre Giuseppe Maria Petazzi sulla liturgia.


Caro D.,
                   ti sto scrivendo una breve email perché mi è molto piaciuto l'articolo "Deus qui humanae substantiae..." che hai pubblicato sul blog. Sai, questa preghiera è la mia preferita proprio perché mi fa vedere quanto Dio ci ama tanto che il nostro peccato Gli è servito per dimostrarci il Suo infinito amore [...]. È molto bello l'articolo perché costituisce una riflessione su quelle stupende parole della Messa permettendomi di gustarle in maniera migliore la prossima volta che Dio mi darà la grazia di partecipare alla celebrazione.

Anche la lettera di Maristella e la tua risposta li ho trovati molto edificanti e confortanti. Tante volte mi dicono che sono un estremista, un bigotto, etc... É bello ricordarsi che quando il mondo non ci loda é un buon segno.

In cordibus Iesu et Mariae,

(lettera firmata)


Carissimo in Cristo,
                                    in effetti le preghiere dell'Offertorio contenute nel rito antico sono davvero molto belle. Mi fa piacere sapere che apprezzi gli scritti di Padre Giuseppe M. Petazzi S.J., tratte dal libro intitolato "Ripariamo!", pubblicato nel 1933 dalla casa editrice "Santa Lega Eucaristica".

Circa invece le persecuzioni del mondo, anche i santi venivano considerati "esagerati" dai mondani. Ciò che ferisce maggiormente è che spesso le persecuzioni vengono fatte anche da persone che si dichiarano cristiani praticanti. Ad esempio certi preti volevano rinchiudere Don Bosco in manicomio poiché non condividevano il suo progetto in favore dei fanciulli.

Grazie a Dio non dobbiamo restare per sempre su questa Terra. La nostra vera Patria è nel Cielo. Quindi dobbiamo sopportare le persecuzioni solo per breve tempo.

In Corde Matris,

Cordialiter