Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

sabato 15 ottobre 2016

Stare alla larga dai conventi "pericolosi"

Riporto alcuni brani della lettera di un lettore.

Gent.mo fratello,
                              la seguo da molto tempo attraverso il suo blog Cordialiter e anche con il blog dedicato alle vocazioni. Grazie per tutto ciò che lei ci dona. Ho avuto modo di vivere alcuni anni in un Ordine religioso, esperienza sofferta ma rivelatrice di come e quanto sia inutile e infecondo per l'anima vivere in un ordine religioso "rilassato". Sconsiglio vivamente ai giovani vocati alla vita religiosa di accostarsi a detto Ordine, glorioso nei tempi passati ma oggi assai pericoloso. […] Credo di essere l'unico "tradizionalista" in questa mia vasta Arcidiocesi dove purtroppo la Messa antica è rimasta nella memoria e tra le cose più care dei nostri anziani, i quali ne hanno una grande nostalgia. […] ho scoperto con una certa interiore sofferenza che di "simpatizzanti" o richiedenti della Messa antica ci sono, esistono, ma per ragioni che non riesco a comprendere, essi faticano ad uscire fuori dall'anonimato nel quale preferiscono vivere senza nulla mai ottenere. […]

Cordiali saluti.

(Lettera firmata)


Carissimo in Cristo,
                               dammi pure del tu, lo preferisco. Hai ragione, la vita negli ordini religiosi rilassati è un'esperienza deludente e dannosa per l'anima. Purtroppo, molti giovani ingenui, dopo aver letto la biografia di qualche santo fondatore, decidono di entrare nel suo istituto religioso, ma quando fanno un'esperienza vocazionale rimangono profondamente delusi perché si accorgono che non si vive più come ai tempi del fondatore. Ho dato vita al blog sulla vocazione religiosa appunto per aprire gli occhi ai giovani in ricerca vocazionale. Se tutti i giovani vocati (soprattutto i candidati al sacerdozio) decidessero di entrare in istituti religiosi fervorosi e osservanti, nel giro di pochi decenni gli istituti rilassati scomparirebbero dalla circolazione, e non saremmo più costretti a vedere frati e suore fare balli mondani, o fare altre sconcezze che allontanano le anime dalla Chiesa. La vita religiosa è una cosa seria, chi non se la sente di vivere da vero religioso, rimanga a casa propria e non vada a vivere da secolare in qualche convento.

Approfitto dell'occasione per salutarti cordialmente in Gesù e Maria,

Cordialiter