Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

lunedì 7 novembre 2016

Anche il Cardinale Bergoglio parlava dei castighi divini

Un gentile lettore del blog mi ha segnalato un'intervista in spagnolo dell'allora Cardinale Bergoglio, il quale ammetteva l'esistenza dei castighi divini. Evidentemente quest'intervista sarà "sfuggita" a certi giornalisti "politicamente corretti" che pretendono di insegnarci la Dottrina Cattolica.

Anche la Madonna a Fatima disse che se l'umanità non si fosse convertita, Dio avrebbe punito il mondo permettendo lo scoppio di una guerra più devastante di quella del 1914-1918. È ovvio che il Signore non voleva lo scoppio della seconda guerra mondiale, tuttavia tollerò che si scatenasse nella speranza di trarne un bene maggiore (ad esempio la conversione dei popoli).

Come insegna il Sommo Pontefice Pio XII nel suo aureo magistero, i castighi di Dio, più che una funzione "vendicativa", hanno una funzione "medicinale", cioè servono a far riflettere gli esseri umani sulle proprie colpe e ad indurli alla conversione (cfr. "Discorso ai giuristi cattolici" del 26 maggio 1957). 

Nonostante il Magistero della Chiesa sia chiaro in proposito, i modernisti continuano a negare la facoltà di Dio di castigare gli uomini. Stanno costruendo una nuova religione annacquata.