Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

lunedì 14 novembre 2016

Chi odia i preti?

Dagli scritti di Don Giuseppe Tomaselli (1902-1989).


È l'una dopo la mezzanotte e battono alla porta. Bisogna alzarsi da letto ed andare ad assistere una moribonda. È necessario far lungo cammino per giungere al posto. Quivi trovo, sopra un povero giaciglio, una donna quasi tremante, e di color cadaverico. Una piccola lampada ad olio rischiara la cameretta, o meglio, il sottoscala. Intanto un fetore insopportabile, nauseante mi spinge ad uscire. Prendo un po' d'aria e mi riavvicino al letto della moribonda.
- È vostra moglie costei? - chiedo all'uomo ch'è vicino.
- Sì è mia moglie.
- E questo fetore?
- È la cancrena.
- Ma è impossibile resistere. E voi come state qua dentro?... Spero di potere resistere! Proviamo! -
Sto un momento e subito mi allontano. Poi riesco ad ascoltare la confessione della moribonda, ma diverse volte mi tocca prendere un po' d'aria buona. Le amministro il Santo Viatico e l'Olio Santo. Intanto il mio stomaco si sconvolge; c'è la provocazione al vomito. Affretto le preghiere di rito e mi dispongo a partire. Il marito della moribonda non sa come disobbligarsi e mette la mano nel suo taschino per prendere qualche cosa.
- Reverendo, quanto pago? 
- Niente!
- Possibile?
- Il sacro ministero non si paga. 
- Ma ... ho dato disturbo e poi di notte ...
- Grazie al vostro buon cuore! 

Son già le due e mezza; le vie sono deserte. Sono avvistato in una traversa da alcuni uomini, che sono intenti a caricar un autocarro.
- C'è il Prete!
- Chi sa da dove venga!
Tra loro commentano, quasi a mezza voce: I Preti ne combinano più degli altri! ... Ciò che non possono fare di giorno, lo fanno di notte! ...
Uomini miserabili! Giudicate perversamente, perchè siete cattivi. Il ladro crede che gli altri siano pure ladri, e l’immorale pensa che anche gli altri siano nella disonestà. Ma c'è un Dio, che giudica!

Conseguenza.

Da questi episodi si deduce chiaramente che il Prete è odiato, anzi molto odiato. Ma da chi? Dai cattivi. Se si domandasse ai ladri ed ai facinorosi: Amate voi i carabinieri? - risponderebbero: Abbasso i carabinieri! Si mandino alla forca! Se vogliono vivere in società, vadano a zappare! - Se si facesse la stessa domanda ai veri galantuomini, risponderebbero: I carabinieri sono necessari e meritano riconoscenza e rispetto.

Chi dice: Abbasso i Preti! - chi odia la veste clericale, chi si dimostra in qualunque modo ostile al Sacerdote, dà una prova chiara della sua condotta reprensibile.

(Brano tratto da "Abbasso i preti", di Don Giuseppe Tomaselli)