Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

venerdì 23 dicembre 2016

Auguri di una mamma a sua figlia suora Francescana dell'Immacolata

Ripubblico una bella "lettera aperta" che alcuni anni fa la mamma di una suora Francescana dell'Immacolata scrisse alla figlia.


Caro D., vorrei augurare e te e alla tua famiglia tanta gioia e felicità nel santo Natale, e che l'anno del Signore che verrà sia per te pieno di santità. Vorrei anche, se mi permetti, scrivere attraverso il tuo sito una lettera a mia figlia, che come sai è suora. Grazie.

Figlia mia carissima, ti scrivo questa lettera per dirti che ti vogliamo tanto bene. Sono ormai più di 10 anni che tu sei stata chiamata da Gesù per essere sua sposa, io e il papà siamo quasi vecchi, i tuoi fratelli ormai sono degli uomini. Tanta acqua è passata sotto i ponti, ma l'amore per te non è diminuito anzi, ogni giorno va aumentando, i nostri pensieri vanno spesso a te, e ci chiediamo: come starà, avrà freddo, mangerà, si vorranno bene tra sorelline? Tanti pensieri affollano la nostra mente, ma uno solo prende il sopravvento su tutti: fatti santa figlia mia, sii degna sposa del tuo Signore, abbraccia la croce come Lui l'abbracciò, non scansarla, non sfuggirla, ma amala come l'hanno amata i bambini di Fatima, ricordi? “Volete accettare tutte le sofferenze che il Buon Dio vorrà mandarvi per riparare le offese che gli uomini gli fanno e per la conversione dei poveri peccatori?” I piccoli risposero “Sì, lo vogliamo”. Ecco figlia mia anche tu e le tue consorelle con il  vostro Fiat in questo momento particolare e doloroso per l'istituto santo dove sei stata chiamata da Gesù sarai, anzi sarete, come Francesco, Giacinta e Lucia, tre pastorelli, per salvare le pecorelle del Signore. Questo “Natale di passione” sia la porta per il Paradiso per tutte Voi e per tante anime. Ti abbracciamo, anzi Vi abbracciamo tutte e tutti con le Sante braccia della Vergine Immacolata. Santo Natale figlia benedetta. 

La tua mamma e il tuo papà.