Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

giovedì 23 marzo 2017

Dio premia anche i buoni desideri

Pubblico una lettera di Maristella, pseudonimo usato da una signora di Milano che mi ha “adottato” come suo "fratellino" (ovviamente non si tratta di un'adozione da un punto di vista giuridico, ma puramente spirituale).


Caro fratello in Cristo,
                                    come stai? Io sto bene, cerco di continuare la mia vita di devozione e di preghiera, il mio apostolato. Cerco semplicemente di testimoniare questo meraviglioso incontro che ha cambiato la mia vita, attraverso la forza che mi viene continuamente donata per superare le avversità della vita tentando di tenere fisso il mio centro interiore, il mio sguardo a Dio. Così vivo anche con una certa semplicità le situazioni, le circostanze della vita: ho sperimentato l'efficacia della preghiera che mi permette di affidare tutto a Dio. Come ti dicevo sono diventata più silenziosa e tranquilla: alle volte mi capita di avere intorno a me persone che fanno discorsi frivoli, per me non interessanti. Mi ritiro nella mia interiorità e non partecipo, anche perché non saprei davvero cosa dire.

(…) Sento su di me la forza della preghiera, anche della tua orazione, carissimo fratello. Percepisco anche l'aiuto della preghiera dell'altro mio fratello nella Fede; e di tutti i fratelli e sorelle che camminano con me verso il Regno del Cielo. Quando mi sveglio nella notte prego e penso a tutti i monaci e le monache che nel silenzio nel cuore della notte pregano per tutti noi; penso a Gesù nel Tabernacolo e ringrazio. Provo tanta gratitudine e commozione pensando alla Comunione dei Santi (...). Sento tutte queste preghiere come il vento che gonfia le vele della mia fragile fede: penso al Signore che sostiene me, che sono polvere e cenere, come su ali d'aquila.

(…) Che bello per me ogni mattina, dopo le Lodi e qualche lettura devota, leggere il tuo blog. Dio ti benedica per questo apostolato... digitale tanto prezioso!

Uniti nella preghiera, ti saluto nei Cuori Immacolati 

tua sorella Maristella 


Cara sorella in Cristo,
                                       ormai è dall’estate del 2015 che siamo amici. Ti conosco anche di persona. Devo dirti che sono sorpreso del fatto che non sembri… una signora sposata ma sembri una suora fervorosa e osservante (è uno dei più bei complimenti che una donna possa ricevere da me). Cerco di spiegarmi meglio. Purtroppo, molte donne sposate hanno una visione “materiale” della vita cristiana, cioè quando pregano chiedono a Dio principalmente beni materiali: che il marito faccia carriera, che possano comprare una villa più grande, che la nonna di 95 anni guarisca dalla malattia che la sta portando alla morte, che i figli trovino un ottimo lavoro ben retribuito, che le figlie trovino mariti non solo belli ma anche ricchi, e cose di questo genere. Certamente è lecito chiedere a Dio dei beni materiali utili a vivere in maniera dignitosa, ma bisognerebbe chiedere principalmente i beni spirituali. A che serve pregare il Signore di far fare carriera al proprio marito, se costui è un tizzone d’inferno che odia la Religione e vive costantemente in peccato mortale? A che serve chiedere la guarigione della nonna di 95 anni e “dimenticarsi” di chiedere la salvezza della sua anima? Ho notato che tu pensi principalmente ai beni spirituali. Dovrebbe essere una cosa normale per ogni cristiano, ma i discorsi che sento fare in giro dalle signore sposate (anche “cattoliche praticanti”) in genere sono su temi materiali. E se dici loro che tutti i cristiani hanno la vocazione alla santità, ti rispondono che non le interessa diventare sante, ma si accontentano di vivere il cristianesimo compiendo il minimo indispensabile per salvarsi l’anima (Sant’Alfonso Maria de Liguori dice che coloro che non desiderano raggiungere la santità, non solo non diverranno santi, ma difficilmente si salveranno dalla dannazione eterna).

Sono contento che leggi tutti i giorni il mio blog. Diverse persone mi hanno detto che si sentono edificare l’animo nel leggere i post che pubblico. Ma se il blog sta facendo del bene ai lettori, il merito è anche di coloro che stanno rendendo possibile tutto ciò. Infatti è grazie a persone dal cuore grande se posso continuare a dedicare tanto tempo ed impegno per aggiornare ogni giorno il blog e rispondere a centinaia di e-mail al mese. Sono rimasto colpito da una lettrice disabile, la quale mi aveva manifestato il suo desiderio di inviarmi una donazione. Sapendo la sua situazione non facile, le avevo detto di non inviarmi nulla. Dio l’avrebbe ricompensata comunque, poiché Lui apprezza anche i buoni desideri, ma lei ha voluto inviarmi lo stesso un contributo per supportare l’enorme lavoro che sta dietro al blog. Mi ha donato 10 euro, ed io ho apprezzato molto il suo gesto perché lo ha fatto davvero col cuore. Anche Gesù buono apprezzò molto l’offerta che fece una povera vedova nel tempio di Gerusalemme.

Il Signore, essendo infinitamente giusto, è tenuto a premiare ogni singola opera buona. Supplico la Santissima Trinità di ricompensare te e gli altri sostenitori del blog con la grazia della salvezza eterna dell’anima. 

Rinnovandoti la mia stima e la mia gratitudine, ti saluto cordialmente in Corde Matris.

Cordialiter