Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

lunedì 27 marzo 2017

Pregare col velo (xzx)

Pubblico un breve messaggio che tempo fa mi ha inviato "Teodolinda", una gentile collaboratrice del blog.


Carissimo D.,
                          mentre a Roma si svolgeva il pellegrinaggio Summorum Pontificum ho deciso di portare il velo durante la Santa Messa. (...) Ricordo che una mia conoscente lo portava in Chiesa e anche quando recitava il Rosario in casa. Sono andata in un negozio di stoffe e ho chiesto il velo per una sciarpina che poi ho preparato con le mie mani, ho scelto il colore nero perché ho i capelli scuri. Credo che le donne non accettino il velo perché pensano che sia un segno di sottomissione e inferiorità all'uomo ma io credo che il velo cristiano con ciò non c'entri nulla, che S. Paolo volesse così perché il velo è semplicemente il segno che la donna dopo il peccato di Eva riconosce il suo sbaglio e la sua disubbidienza e ritorna ad accettare la guida di Dio simboleggiato dal velo sul capo. Devo dire che mi sentivo all'inizio un po' in imbarazzo perché sono di natura un po' timida e temevo di essere osservata ma nello stesso tempo sentivo una grande gioia dentro e che quella fosse una cosa giusta che mi aiutava nell'essere me stessa. Il mio modo di vestire è quello normale della nostra società, in Chiesa non mi distinguevo per altro rispetto alle altre persone. Così sono tre le cose diverse che che faccio in Chiesa adesso: porto il velo, mi inginocchio per pregare, come per altro ho fatto sempre, e ricevo la comunione in bocca. Nessuna donna porta più il velo dalle mie parti, rarissime sono le persone che ricevono la comunione in bocca e si inginocchiano. Continuo a credere nella rinascita della fede e nell'evidenza della Verità anche adesso che nella mia regione molte vecchie Chiese sono state o distrutte o chiuse per il terremoto. Io spero che il terremoto che ha portato via molte case e cose all'interno della mia regione si porti via anche le abitudini sbagliate che da queste parti si sono diffuse negli ultimi tre decenni, una fede superficiale e le abitudini che offendono lo stato matrimoniale. Che Dio apra i cuori degli uomini e delle donne della nostra terra! Spero che qualche altra donna provi a fare qualcosa di vero e diverso per il Signore.

Un saluto,

Teodolinda


Cara sorella in Cristo,
                                     anche se le leggi ecclesiastiche non obbligano più a portare il velo in chiesa, tuttavia rimane una pia pratica. Si tratta di un bel gesto di modestia. Ciò che a me dà maggiormente fastidio è il fatto che nei mesi più caldi molte donne profanano i luoghi di culto entrando nelle chiese svestite in maniera indecente. I modernisti sono sempre in prima fila quando si tratta di parlare della fame nel mondo, dell’inquinamento, e di altre questioni che hanno una rilevanza sociale, ma poi si “dimenticano” di denunciare i peccati della lussuria, che secondo i santi sono quelli che conducono più anime all’inferno.

In Corde Matris,

Cordialiter