Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

giovedì 29 giugno 2017

Un'amicizia edificante

Ho estrapolato diversi brani ricchi di unzione spirituale tratti dalle e-mail che tempo fa mi ha scritto una lettrice, e li ho raggruppati in un'unica lettera.


Carissimo fratello in Cristo,
                                             ti scrivo per esprimerti la mia gratitudine per le bellissime parole che hai avuto per me e per la nostra amicizia spirituale. Mi hanno edificata e ti confesso che mi sono emozionata molto leggendole. Credo sempre più che questa amicizia spirituale sia un dono di Dio, perché io non ho mai avuto una amicizia così bella fondata su Gesù Cristo e quindi può venire solo da Lui. Stasera avrò il tempo di risponderti in modo più accurato, ma nel frattempo volevo farti sentire la mia vicinanza spirituale.

[…] Non sai quanto la mia anima si sia rallegrata nel rileggere le parole che ci siamo scambiati nelle lettere riguardanti la nostra amicizia spirituale. È una grande gioia che mi accompagna da stamattina e che anche in questo momento mi fa traboccare il cuore. Quello che mi dà più gioia è il pensiero di aver ricevuto da Gesù questo bellissimo dono, questo privilegio grandissimo. Il pensiero che c'è un'anima al mondo che ha a cuore la mia salvezza eterna e dalla quale posso ricevere e alla quale voglio donare solo santo bene. Il pensiero che questa amicizia spirituale, questa "alleanza di ferro", come l'hai chiamata tu, ci ha già dato molto in poco tempo e la certezza che può solo crescere, mi entusiasma. Allora comincio a chiedermi, cosa potremmo fare per unire le nostre forze e dare maggior gloria a Dio?  Cosa potremmo fare per rafforzare e accelerare la nostra santificazione? Anche la tua anima mi sta molto a cuore e desidero anch'io la tua santificazione. 

Grazie per il tuo apprezzamento per le mie e-mail. [...] Mi fa piacere leggere che vuoi pubblicare alcuni brani delle mie lettere, sebbene mi sembra che non meritino questa tua gentile attenzione. Non ho mai pubblicato qualcosa di mio su internet, a causa della mia grande riservatezza, ma per il tuo blog accetto volentieri la tua richiesta. Solo ti chiederei di non pubblicare brani che descrivono la mia situazione personale [...].

[…] non devi ringraziarmi, è il minimo che io possa fare per ricambiare quello che tu stai dando a me: il desiderio di progredire verso Gesù, che Dio ti ricompensi per questo.

[…] ti ringrazio molto per la tua bellissima lettera. Man mano che procedevo nella lettura, meditando le parole dei santi, mi sentivo avvolgere dalla consolazione. Credo anch'io che le sofferenze, grandi e piccole (e mi rendo conto che le mie sono molto piccole, sebbene in alcuni momenti facciano molto male) siano l'espressione dell'Amore di Gesù, il modo in cui ce lo dimostra. Sono carezze d'Amore che ci avvicinano di più a Lui, alla Sua sofferenza sul Calvario. Che onore soffrire un po' per Gesù... In questo momento il mio cuore si accende a questo pensiero. Le parole di Gesù a Santa Gemma Galgani sono bellissime. Trasmettono tutto l'ardore del Suo Amore per noi. Vuole renderci prigionieri d'Amore... Quale prigionia potrebbe essere più dolce di questa? Seppur circondata di Croci. Rendimi sempre più prigioniera Gesù mio e fa ch'io ami sempre più le Croci con cui vorrai abbellire la mia anima. E allora: l'occhio mio lacrimi in Dio solo. 

[…] mi sono commossa di nuovo ora, leggendo che senti un forte desiderio di pregare per me, perché so che è Gesù stesso ad ispirarti, perché conosce tutte le mie miserie. Pregherò anch'io per la tua santificazione.

[…] Il tuo ideale di vita matrimoniale e familiare è veramente molto alto e santo. Prendendo come modello i genitori di Santa Teresina, credo che potresti realmente giungere alla santità. Il brano di Pierre Dufoyer che mi hai consigliato di leggere l'ho trovato molto interessante e mi sono completamente ritrovata nella descrizione dell'animo femminile. La figura del marito da lui delineata è semplicemente quella di un sant'uomo, come ce ne sono pochi. Se quello è il tuo ideale di marito, la donna che Dio avrà la bontà di metterti a fianco sarà molto fortunata. 

Caro fratello in Cristo, grazie per la tua consolante amicizia spirituale e per le tue preghiere. Che Dio ti benedica.





lll