Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

giovedì 14 giugno 2018

Messa per i parenti defunti dei sostenitori del blog


Sabato 16 giugno verrà celebrata una Messa per i parenti defunti dei sostenitori del blog, cioè di coloro che anche solo una volta mi hanno inviato un libero contributo. Senza il loro aiuto, penso che non potrei più continuare a dedicarmi a questa forma di apostolato on-line, la quale assorbe molto tempo sia per preparare i post da pubblicare, sia per rispondere alle numerose email e telefonate dei lettori.

Offrire il Santo Sacrificio del Redentore Divino è il modo più efficace per alleviare le pene delle anime del purgatorio, le quali soffrono terribilmente a causa del fatto che vorrebbero unirsi a Dio in Cielo, ma non possono poiché devono ancora espiare i resti delle colpe che commisero durante il pellegrinaggio terrestre.

Sant’Alfonso Maria de Liguori insegna che le anime che muoiono in stato di grazia, difficilmente vanno direttamente in paradiso, ma in genere passano prima dal purgatorio, poiché per presentarsi al cospetto di Dio è necessario essere mondati anche della più piccola colpa veniale. Lo stesso santo, nel celebre libretto intitolato “Del gran mezzo della preghiera”, ricorda ai suoi lettori che per carità fraterna siamo tenuti ad aiutare le anime del purgatorio.


Chissà, forse i nonni o altri parenti defunti di coloro che hanno sostenuto il blog con qualche libero contributo, in questo momento stanno soffrendo atrocemente in attesa di poter godere la visione beatifica di Dio nella Patria Celeste, unendosi finalmente col fine ultimo dell’esistenza di ogni essere umano. Confido che il Santo Sacrificio della Messa che verrà offerto prossimamente per loro possa aiutarle ad alleviare le atroci sofferenze e a raggiungere più celermente il paradiso, ove non soffriranno più per tutta l'eternità e potranno vivere unite alla Santissima Trinità, lodando la sua infinita misericordia per tutti i secoli dei secoli. 

Approfitto dell’occasione per rinnovare pubblicamente la mia gratitudine nei confronti dei sostenitori del blog e del caritatevole sacerdote che celebrerà la Messa. Non solo non mi ha mai chiesto l’offerta per poter celebrare mensilmente una Messa per le mie intenzioni, ma addirittura è lui stesso un sostenitore dal cuore grande. Auspico che il Signore lo ricompensi con le grazie necessarie a conseguire il supremo ed eterno traguardo.