Cordialiter, blog di spiritualità cristiana

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti. (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)

Visualizzazioni totali


Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com
_______________________________
Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.

martedì 10 aprile 2012

Il vento sta cambiando

Tempo fa, dopo aver visitato il mio blog vocazionale, un sacerdote diocesano mi ha scritto chiedendomi se potevo aiutarlo a trovare delle persone interessate a fondare un nuovo ordine religioso dedito alla cura di un santuario. Ho visitato il suo sito e non mi è sembrato affatto un prete legato all'antica forma liturgica. Gli ho risposto esponendogli il mio pensiero con molta franchezza, limitandomi a dargli alcuni semplici consigli. Temevo che non mi rispondesse, e invece mi ha scritto ringraziandomi per ciò che gli ho detto.

Certe idee che in passato erano considerate quasi “eversive”, adesso non fanno più paura e cominciano a farsi strada nel clero. Ho l'impressione che adesso sta tornando a soffiare il vento della Tradizione :-)


Rev.mo Don D.,
                          ho letto con simpatia la sua e-mail, perché si è espresso in modo semplice e schietto, e io apprezzo le persone che parlano in modo chiaro, che dicono quello che pensano in modo esplicito. Anche io le parlerò con molta franchezza.

E' possibile fondare qualcosa? Da quello che vedo in giro, ho notato che giovani disposti a donarsi a Dio, ce ne sono ancora, tuttavia vogliono qualcosa di intenso e radicale. Vedo infatti che mentre tanti ordini religiosi non hanno più vocazioni da quarant'anni, ce ne sono altri (in genere fondati negli ultimi decenni) che hanno molte vocazioni. Come fare per “attrarle”? Lei sa meglio di me che è Dio che “attrae” qualcuno, però si serve anche dello stile di vita dell'istituto. Dunque, per attrarre delle persone disposte a dedicarsi alla cura del Santuario c'è bisogno di proporre una comunità che abbia uno stile di vita “affascinante”. Non c'è bisogno di “inventare” niente di nuovo, è sufficiente copiare la “ricetta” che utilizzano gli ordini religiosi che hanno tante vocazioni. E qual è questa “ricetta”? Io vedo che gli ordini con molte vocazioni hanno le seguenti caratteristiche:

- povertà e austerità

- intensa vita spirituale

- riscoperta della spiritualità dei grandi santi del passato come Sant'Alfonso Maria de Liguori

- utilizzo assiduo dell'abito religioso di foggia “tradizionale”

- infine, noto nei giovani un grande interesse per la Sacra Liturgia, che deve essere celebrata con grande cura, devozione e sacralità, ad esempio utilizzando l'intramontabile canto gregoriano. Una Santa Messa celebrata come Dio comanda è un potentissimo mezzo per attrarre vocazioni. Dopo la promulgazione del Motu Proprio “Summorum Pontificum” da parte di Papa Benedetto XVI, sono aumentati esponenzialmente coloro che sono affascinati dalla Messa tradizionale, e gli ordini religiosi legati a quest'antico rito liturgico stanno beneficiano di un abbondante flusso di vocazioni.

Le ho detto con sincerità quello che penso. Nella speranza di esserle stato di qualche utilità, approfitto dell'occasione per porgerle i miei più cordiali saluti.


Cordialiter