Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

sabato 20 aprile 2013

Circa l'elezione del Capo dello Stato


Alcuni mesi fa i sondaggi pronosticavano una schiacciante vittoria elettorale della coalizione di sinistra. Per l'ennesima volta i fatti hanno smentito i sondaggi, e la sinistra non è riuscita ad ottenere la maggioranza al Senato, non per colpa della legge elettorale (che a me non dispiace), ma per il semplice fatto che chi riceve il 29% dei voti è ovvio che non possa ottenere la maggioranza dei seggi.

Ciò che è successo in questi giorni è clamoroso. Due o tre mesi fa, chi avrebbe mai immaginato che Rosy Bindi e Pierluigi Bersani, leader del Partito Democratico, si sarebbero dimessi dai loro incarichi a causa di gravi problemi interni al PD?

Adesso i principali partiti dovranno mettersi d'accordo per trovare una soluzione circa l'elezione del Capo dello Stato e la formazione di un nuovo Governo.

Rodotà è stato prima un radicale, poi è stato eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano. Tra le sue posizioni politiche si registra il sostegno alle unioni gay, all'eutanasia, e la critica alla proposta di inserire le "radici cristiane" nella Carta fondante dell’Europa. 

Emma Bonino, storica esponente radicale, è nota per le sue idee in favore dell'aborto, del divorzio, delle unioni omosessuali, della fecondazione artificiale, della legalizzazione di alcune droghe, ecc. 

Un gentile lettore del blog ha chiesto di pregare affinché non venga eletta una persona di orientamento anticlericale a Presidente della Repubblica (tra l'altro ha chiesto di pregare per la conversione al cattolicesimo della Regina Elisabetta, Capo della comunità ecclesiale anglicana).

Io spero che venga eletto un Presidente davvero cristiano, o almeno uno che non lanci appelli in favore dell'approvazione di leggi contrarie alla Legge di Dio, come ad esempio la legalizzazione del matrimonio omosessuale e dell'eutanasia. 

L'ora è grave, l'Italia è devastata non solo dalla crisi economica, ma soprattutto dalla crisi morale. Se vogliamo far rifiorire la nostra Patria, dobbiamo ritornare a uno stile di vita davvero cristiano, altrimenti il Paese farà una brutta fine.