Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

lunedì 26 maggio 2014

Terremoto politico in Europa


La crisi economica, accentuata dalle politiche di austerity, ha causato uno scossone nel panorama politico europeo. Molti partiti che fino a pochi anni fa raccoglievano un sacco di voti, oggi sono in caduta libera. Ho gioito nel constatare il tracollo elettorale del Partito Socialista francese e del Partito Conservatore britannico, i quali nei loro Paesi hanno approvato le inique leggi che consentono il matrimonio tra omosessuali (dai socialisti potevo aspettarmela una cosa del genere, ma dai “conservatori” no). Tuttavia la situazione nel Parlamento europeo rimane preoccupante, perché i partiti progressisti (comunisti, socialisti, verdi, liberaldemocratici, ecc.) conservano una vasta maggioranza con la quale potranno portare avanti delle politiche immorali su temi “non negoziabili” (obiezione di coscienza all'aborto, matrimoni omosessuali, orfanelli adottati da coppie gay, ideologia gender, propaganda laicista nelle scuole, eccetera).

Per quanto riguarda le politiche economiche, staremo a vedere se l'austerity verrà accantonata, ma ho i miei dubbi che ciò possa accadere. Secondo me prima o poi ci sarà l'implosione del sistema. Sarà un castigo che i popoli avranno meritato coi propri peccati. 

Per quanto riguarda l'Italia sono molto dispiaciuto della forte avanzata del Partito Democratico, infatti si tratta di un partito progressista che propone leggi immorali, come ad esempio l'istituzione del reato di omofobia, che potrebbe portare in carcere una persona solo per aver criticato i matrimoni omosessuali. Alcuni diranno: “Ma almeno il PD ci dà 80 euro”. A costoro potrei rispondere che Giuda per 30 denari tradì il Redentore Divino, e noi per 80 euro dovremmo tradire Gesù Cristo votando per un movimento politico favorevole a provvedimenti giuridici contrari alla Legge eterna di Dio? Non voterei per un partito progressista nemmeno per tutto l'oro della terra! Il PD non è più un partito comunista per quanto riguarda le politiche economiche, tuttavia rimane un partito progressista sui temi etici, che a noi cristiani interessano molto.

La mia speranza è che in Italia possa nascere un vasto movimento politico di cattolici di “stretta osservanza”, che possa dare battaglia in difesa dei valori non negoziabili che oggi sono minacciati dai progressisti di sinistra e da quelli di "destra".