Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle numerose e-mail dei lettori, puoi inviare un contributo libero. Per info: clicca qui.


Visualizzazioni totali

martedì 28 dicembre 2010

Aggiornamento sulla vicenda del seminario di Ushaw (Inghilterra)


Qualche mese fa vi avevo parlato dell'iniziativa della Latin Mass Society, che voleva acquistare un seminario sull'orlo della chiusura per mancanza di vocazioni, per trasformarlo in un seminario tradizionale. L'idea era brillante, visto che i seminari tradizionali in genere godono di un massiccio afflusso di vocazioni, ma sembra che difficilmente il seminario passerà nelle mani degli amanti della Messa tridentina. Il tesoriere della Latin Mass Society, Paul Waddington, ha avanzato un concreto e finanziariamente solido piano di salvataggio, chiedendo la trasformazione di Ushaw in seminario tradizionale. Anche Leo Darroch, presidente della Federazione Internazionale Una Voce, ha espresso il suo più completo sostegno all'iniziativa, intervenendo su vari blog. Ma pochi giorni fa la direzione del seminario ha confermato la chiusura definitiva per la fine dell'anno accademico 2010-2011. Sarebbe un grande dispiacere se il seminario cadesse nelle mani di qualche speculatore edilizio per farne un hotel di lusso o un centro commerciale. Dalle foto che mi ha inviato un gentile lettore italiano che vive nel Regno Unito, bisogna ammettere che la cappella del seminario è davvero un capolavoro artistico.



Paul Waddington e Leo Darroch hanno deciso di iniziare una petizione on-line per chiedere all'Arcivescovo di Liverpool, Patrick Kelly, di concedere udienza ai promotori dell'iniziativa volta a salvare Ushaw. Non so se la petizione verrà accolta, ma credo che esistano mezzi più efficaci per ottenere risultati. Innanzitutto ci vorrebbe una bella crociata di preghiere. In secondo luogo bisognerebbe tentare una via “diplomatica”. Leo Darroch ha molti agganci, dovrebbe trovare qualcuno disposto a mettere la “buona parola” con l'arcivescovo Kelly. Comunque, anche se il prelato dovesse rifiutare il piano, si può sempre ricorrere al “piano B”. Tutto quello che capita nella vita è voluto o almeno permesso dalla Provvidenza in vista di un bene maggiore. Dunque in caso di rifiuto bisognerebbe cercare di capire se Iddio desidera qualcosa di diverso, ad esempio che il seminario tradizionale venga eretto in qualche altra diocesi, magari spendendo anche molto meno. Chissà se forse gli anglicani stanno vendendo qualche seminario più economico, e situato in una zona più tranquilla e meno trafficata.